Millward Brown: è Google il brand globale che vale di più, Apple è seconda

Google ha superato Apple diventando il brand globale di maggior valore nel 2014 secondo la BrandZ Top 100 – Most Valuable Global Brand ranking di Millward Brown, con un valore di 159.000 milioni dollari e un incremento del 40 % anno su anno. Il Most Valuable Global Brands, commissionato da WPP e condotto da Millward Brown Optimor , è giunto alla sua nona edizione ed è l’unica classifica che utilizza il punto di vista dei potenziali e attuali acquirenti di un marchio, insieme a dati finanziari, per calcolare il valore dei marchi considerati.

Dall’edizione 2014 emerge che dopo tre anni al vertice, Apple è scivolato al secondo posto con un calo del 20 % del valore del marchio pari a 148 miliardi dollari. Anche se Apple ha ancora uno tra i brand più performanti, vi è una crescente percezione che si tratti di un brand che non sta più ridefinendo la tecnologie per i consumatori, soprattutto per la mancanza, definita drammatica da Millward Brown, del lancio di nuovi prodotti. Il marchio leader a livello mondiale del B2B  ovvero IBM, ha mantenuto la posizione numero 3 con un valore di marca di 108 miliardi dollari .

Senza titolo

Nick Cooper, Managing Director di Millward Brown Optimor  spiega: “Google è stato estremamente innovativo nel corso dell’ultimo anno con Google Glass, con gli investimenti nel campo dell’intelligenza artificiale e con una moltitudine di collaborazioni che vedono il suo sistema operativo Android presente in altri beni come le automobili. Tutta questa attività manda un segnale molto forte per i consumatori su ciò che Google è e questo ha coinciso con un rallentamento di Apple.”

L’Indice di quest’anno evidenzia la fine della recessione con una crescita reale nelle categorie trattate e nella Top 100 nel suo complesso” ha detto David Roth , CEO di The Store, WPP. “Degno di nota è il modo in cui marchi forti hanno guidato la ripresa. Settantuno dei marchi elencati nella nostra classifica 2014 erano lì nel 2008. Nonostante le turbolenze finanziarie che hanno decimato molte imprese nel corso degli ultimi anni, questi marchi sono rimasti in classifica, dimostrando la forza dei marchi forti.”

Facebook Comments

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here