Ue: taglio tariffe su rame “Agcom deve notificare ogni modifica dei prezzi”

L’annuncio Agcom è di ieri ma la notizia sui nuovi prezzi per i servizi in rame e del canone mensile ULL che passa da 9,28 a 8,68 euro (-6,47%) e quello per il servizio WLRche  scende da 11,70 a 11,14 euro nel 2013 (- 4,79%), non poteva non registrare importanti reazioni dall’Europa.

La  Commissione europea, infatti, interviene oggi e “sottolinea l’importanza della stabilità dei prezzi per i servizi in rame” al fine di favorire gli investimenti e ricorda che l’Agcom ora “deve notificare ogni modifica dei prezzi” a Bruxelles in base alla normativa in vigore. Questa l’indicazione giunta da Ryan Heath, portavoce del commissario per l’agenda digitale Neelie Kroes. In caso di mancata notifica, la Commissione “si riserva di compiere i necessari passi legali, in primo luogo l’avvio d una procedura d’infrazione”.

Solo alcuni giorni fa, si ricorda a Bruxelles, le raccomandazioni in materia di costi dei servizi messe a punto dalla Commissione hanno ricevuto il sostegno del CoCom, l’organismo che esprime la posizione dei Paesi membri sulle politiche relative alle telecomunicazioni. In queste raccomandazioni, destinate a essere varate il 10 settembre prossimo nell’ambito del pacchetto Tlc che Bruxelles sta mettendo a punto, si afferma il principio secondo il quale la stabilità dei prezzi dei servizi in rame è una delle condizioni necessarie per sviluppare una sana concorrenza e favorire gli investimenti nelle reti e nei servizi di futura generazione.

Uno scenario rispetto al quale, ha osservato oggi Heath, “la decisone presa da Agcom è molto importante“. E continua: “Siamo determinati ad assicurare l’effettiva applicazione delle raccomandazioni sui costi dei servizi”.

 

Facebook Comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here