Amazon conferma: nessun profitto sulla vendita dei Kindle

La strategia di Amazon per il mercato mobile per l’editoria digitale è fondata sui contenuti. Nonostante la sfida hardware accettata con la serie di dispositivi Kindle, la compagnia continua a scommettere principalmente sul proprio core business. I device mobili sono uno strumento, un mezzo, per implementare questa strategia più che una fonte alternativa e aggiuntiva di entrate dirette.

Jeff Bezos, CEO di Amazon, ha, infatti, confermato qualcosa che molti analisti di Wall Street sospettavano da tempo. La società vende gli eReader e i tablet Kindle a prezzo di costo e guadagna dalla vendita di contenuti online provenienti dai dispositivi. “Vendiamo l’hardware al nostro costo, così siamo pari riguardo all’hardware”, ha dichiarato il manager durante un’intervista alla BBC.

La strategia di prezzo aggressive è naturalmente pensata per vendere quanti più device possibili, in modo da creare una base potenziale per i contenuti online (eBook, giochi, app e video) il più ampia possibile.

Vogliamo fare soldi quando le persone utilizzano il proprio device, non quando lo comprano”. Bezos ha sottolineato, per tentare di spiegare questa strategia, che i possessori di Kindle leggono 4 volte di più di prima di acquistare il dispositivo, e non smettono neanche di acquistare libri cartacei.

Strategia chiara e molto differente da quella dei maggiori competitor nel mercato dei device mobili, ma probabilmente adatta ad un player che entra nel mercato hardware da quello dell’e-commerce e dei contenuti editoriali. A differenza di Apple e Samsung, produttori puri, e di Google, web company in fase di espansione in diversi settori e che in ogni caso si appoggia a produttori puri. Strategia simile potrebbe metterla più facilmente in campo Barnes & Noble con il Nook, anche se probabilmente ha minori capitali da investire nel tentativo di espandere la propria presenza nel settore digitale e mobile.

Facebook Comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here