Governo cinese avvisa Microsoft: non interferisca nelle indagini

Il governo cinese ha intimato a Microsoft di non interferire nell’inchiesta anti monopolio in corso sulla società americana, richiamandola al rispetto delle leggi. Lo scorso 29 luglio in un comunicato la Saic, l’Amministrazione statale cinese per l’industria e il commercio, aveva precisato che le indagini sono iniziate nel giugno dell’anno scorso e che finora non è stato possibile cancellare il sospetto che la compagnia non abbia rispettato le regole basilari del commercio.

Perquisizioni sono state effettuate nelle sedi cinesi della società di Redmond a Shanghai, Guangzhou e Chengdu, mentre è cominciato l’interrogatorio nei confronti del vice presidente della società americana, Mary Snapp. In maggio, le autorità avevano annunciato il divieto per gli uffici pubblici di usare Windows 8, il più recente sistema operativo elaborato dalla compagnia americana. Ma, nonostante il braccio di ferro tra Microsoft e il governo cinese, l’azienda americana ha annunciato l’uscita in Cina il 23 settembre della consolle Xbox One, la prima consolle per videogiochi legalmente disponibile nel paese asiatico dopo la messa al bando di questi prodotti nel 2000.

Facebook Comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here