Intelligenza Artificiale: dal convitato di pietra al convitato di silicio

La leggenda del convitato di pietra è nota fin dal Medioevo e immortalata in maniera superba da Mozart nel suo Don Giovanni (libretto dell’italiano Giovanni da Ponte). Nel dizionario troviamo:

convitato di pietra, persona o anche situazione minacciosa o spiacevole che si cerca di dimenticare o non affrontare, ma che si ripresenta costantemente. Convitato di pietra è diventata un’espressione metaforica molto comune, utilizzata per indicare una presenza incombente (persona o cosa), ma allo stesso tempo, invisibile, muta e, conseguentemente, piuttosto inquietante e imprevedibile, conosciuta da tutti, ma da nessuno nominata. Essa racchiude in sé il senso di una sfida tragica ed una scommessa sul destino. Nel caso del Don Giovanni, la presenza ingombrante è una statua di pietra che ritorna dal regno dei morti  e lo trascina con sé all’inferno Don Giovanni stesso. A pensarci bene basta sostituire convitato di pietra con silicio ed il gioco è fatto. Silicio più Intelligenza Artificiale è il dramma (che forse dramma non è, è servito).

Una lunga storia che inizia secoli fa, una presenza sempre presente ed una paura sempre più crescente. La tendenza è assimilare il cervello al ritrovato tecnologico più avanzato del momento.

Gli antichi Greci tentarono di associare l’encefalo allo strumento più avanzato del tempo: la catapulta. Leibinz trovò una corrispondenza con il mulino; con l’arrivo del telaio ‘Jaquard’, l’associazione fu immediata. Nel 1791 Galvani postula che l’elettricità esiste come forza interna al corpo. E, immediatamente parte l’era Frankestein: la possibilità di costruire esseri viventi con un semplice trapianto di energia; ancora più immediata l’associazione con le centraline telefoniche.

Solo pochi anni fa i  ‘pensatori’ ci assicuravano l’incredibile analogia del nostro cervello con il computer ed oggi è il turno dell’accoppiata silicio e intelligenza artificiale. Insomma: ad ogni stadio della propria ignoranza, l’uomo utilizza l’ultima scoperta tecnologica per dissimulare la propria mancanza  di conoscenza.

Conoscenza ha molto a che fare con ambizione. L’ambizione (da àmbito, la cui radice greca significa anche apertura alare) altro non è che la distanza massima tra un’ala e l’altra; in altre parole: ambizione è quanto si riesce ad estendere le proprie ali. Ambizione evoca anche un altro significato legato al passato: il viaggio che i regnanti intraprendevano ogni anno per delimitare il perimetro del proprio territorio. Per cui avere un’Ambizione, coltivarla e metterla in pratica, significa almeno essere in grado di porsi costantemente due domande: l’obiettivo è alla portata della mia apertura alare? Ho il diritto di rivendicare questo territorio?

Una catena formata da molti anelli che partono da conoscenza e consapevolezza: esattamente in quest’ordine. Si acquisisce conoscenza e questa dà consapevolezza delle proprie possibilità in relazione a ciò che si fa o si vuole intraprendere. In pratica mentre per gli uccelli l’apertura alare è fissa, per noi umani l’apertura alare cresce con la nostra continua costanza ad imparare sempre di più.

Vorrei partire proprio da qui, cercare di far pulizia e provare ad estendere la nostra apertura alare sui significati dell’Intelligenza artificiale per comprenderne gli impatti in termini di sostenibilità e rendere il nostro convitato di silicio un nostro alleato e non un nemico, senza nascondere i pericoli del cammino.

Facebook Comments

Previous articleSchneider Electric lancia la decima edizione della competizione universitaria Go Green
Next articleVa al Comune di Rovereto il Premio Lexmark Economia Circolare
Beppe Carrella
Partner di BCLAB e spacciatore, senza licenza, di musica rock. Laureato in Ingegneria Elettronica, è stato CEO di aziende medio-grandi legate al mondo dell’ICT in Italia e all’Estero. Appena rientrato in Italia da Dubai dove ha gestito un progetto da 1bln dollar. Ha insegnato in molte università italiane e al MIT nel 1994. Nel 1994 il suo libro: L’officina neurale (Franco Angeli) è risultato il libro più venduto in Italia sul tema dell’intelligenza artificiale. Nel 2000 il libro E-commerce tra mercato e diritto (Ed. Ilsole24ore) è stato il primo a mettere in relazione IA/Internet/e-commerce. Nel 2013 il libro “Provocative thoughts for managers” (Apogeo) è stato considerato tra i dieci libri più importanti sul tema delle risorse umane dalla prestigiosa rivista americana HR.com. Con goWare ha pubblicato: Pinocchio: Leadership senza Bugie nel 2016; Don Chisciotte:Leadership della quasi vittoria nel 2017; Amleto: Leader senza Leadership e in collaborazione nel 2018; Parlane pure con il mio robot... ma gli androidi fanno le spremute con l’arancia meccanica?, con Fabio degli Esposti nel 2019. In ogni caso se rinascesse sarebbe a Liverpool e la foto del profilo Linkedin lo ritrarrebbe in Abbey Road sulle strisce pedonali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here