WSD – Trama

Credete voi che non gli si sarebbe scemato punto l’ardire, quando avesse saputo che le sue trame eran note fuori di qui…? (Manzoni)

C’è un elemento che è quasi un dato antropologico del Paese e che sfiora i nostri luoghi di lavoro, le prospettive future, lo slancio verso qualunque cambiamento.
È la Trama, non come nobile intreccio di una storia bensì come “Macchinazione, maneggio, intrigo, azione copertamente volta a un fine” (Vocabolario Treccani).
La Trama, nella nostra esperienza professionale, è un dato di fatto. Basata spesso sul nulla, alimentata dalla mediocrità di chi spera –sempre- che ci sia l’inghippo, il freno, l’errore che dimostra quanto la volontà di modificare l’esistente sia vana, la trama è il nutrimento dell’immobilismo.

paludeL’abbiamo sperimentata tutti, sempre nella medesima modalità. Le cose cambiano, proviamo lo slancio verso il movimento in un contesto fino ad allora stagnante, poi la Trama arriva a rimettere tutto dentro a una palude.
Nutrita dal sospetto, la Trama usa le armi della voce che cammina, che crea il dubbio anche in chi non lo aveva. Chi si stava muovendo, si ferma. Chi alimenta la Trama, nuota a dorso nella palude.

Difendersi dalla Trama è culturalmente difficile perché gli elementi che la compongono sono gli stessi contro i quali, spesso, ci si batte: la disonestà, il ricatto, l’illegalità. La Trama li usa per sostanziarsi delle qualità opposte: l’onestà, la lealtà verso “le regole”, la legalità. La Trama è vischiosa perché usa lo specchio deformante nel quale ognuno di noi si veder deformato.

Chi l’ha vissuta nelle aziende dovrebbe riconoscerla e invece, troppo spesso, ci rimane dentro. Il Ministro della Paura che ordisce la Trama (ve lo ricordate uno splendido Antonio Albanese?) agisce come un governo dell’anima in cui i mandanti sono molti, perennemente impuniti, drammaticamente attivi su ogni fronte del cambiamento possibile.
Bisogna non essere mediocri, recuperare ogni briciolo di forza nella motivazione che ci ha portati a gioire per un cambiamento imminente, riconoscere i codici della Trama e superarla, dicendo ai mille ministri della Paura e ai loro orditi “Scansati e lasciami passare”.
Lascerete alle vostre spalle tentativi di invio di teste di capretto. Potete sempre dire che mancava l’allegato.

Facebook Comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here